PDA

Visualizza la versione completa : Interessi personali e università


linofex
28-06-2015, 19:57
Buonasera, spero di postare nella sezione giusta!
Sto frequentando il primo anno di ingegneria informatica. Mi piace, tutto è interessante e giorno dopo giorno acquisto qualcosa di nuovo e "potente". Al livello di informatica sono partito da zero, mi sto allenando con esercizi e piano piano qualcosa di buono esce fuori (spero).
Il mio "problema" è che vedo il tempo assorbito da materie come analisi, Fisica.. "un po' fuori dal contesto informatico"(per ora) e non me ne resta molto per magari pensare a qualche progettino privato, oppure a studiare nuove cose a livello informatico (un esempio è la crittografia...). Tutto quello che vede come protagonista il pc mi piace e vorrei impararlo, solo che di cose ce ne sono tantissime e finirei con l'iniziare tutto, approfondire poco, studiarlo male e perdere anche quel poco di tempo di tempo che mi rimane.
A voi quindi chiedo: come dovrei comportarmi? arriverà un domani il momento in cui avrò più tempo da dedicare a me?
Ripeto, per adesso ho poche basi,quindi i progetti sono pochi pochi, ma comunque nascono in testa idee che vedo sfumare subito dal momento che devo studiare analisi o fisica e non mi rimane tempo.
P.S ho sbagliato corso di laurea? Era meglio magari "scienze informatiche/informatica"?

Grazie!

MySQL
28-06-2015, 20:51
era meglio fare il bagnino e lo dico ahimè senza ironia.

linofex
28-06-2015, 21:19
era meglio fare il bagnino e lo dico ahimè senza ironia.

Come mai?

Scara95
28-06-2015, 21:56
Criptografia è l'esempio sbagliato, dato che spesso è un indirizzo della LM in scienze matematiche.

Ad ogni modo analisi ti serve a porre le basi per corsi futuri: algoritmi, segnali, ...

Altre materie matematiche sono finalizzati ad altri corsi.

Fisica ti serve per lo studio del livello HW e qualche altra cosuccia, dipende dai corsi che farai.

Se volevi concentrarti sul software era più adatta Scienze Informatiche, anche se spesso in Italia non c'è una vera e propria distinzione.

Comunque il primo anno pone le basi, soprattutto matematiche. Devi rassegnarti. Anzi spesso Analisi è prerequisito al secondo anno, oppure un tot di crediti in ambito matematico.

MySQL
28-06-2015, 22:09
Come mai?
non è che in Italia sia particolarmente pregiato, come corso di studio.
inoltre con le regole previdenziali attuali il tempo passato a studiare te lo. devi lavorare in più.
insomma una inculata totale

linofex
28-06-2015, 22:12
Criptografia è l'esempio sbagliato, dato che spesso è un indirizzo della LM in scienze matematiche.

Ad ogni modo analisi ti serve a porre le basi per corsi futuri: algoritmi, segnali, ...

Altre materie matematiche sono finalizzati ad altri corsi.

Fisica ti serve per lo studio del livello HW e qualche altra cosuccia, dipende dai corsi che farai.

Se volevi concentrarti sul software era più adatta Scienze Informatiche, anche se spesso in Italia non c'è una vera e propria distinzione.

Comunque il primo anno pone le basi, soprattutto matematiche. Devi rassegnarti. Anzi spesso Analisi è prerequisito al secondo anno, oppure un tot di crediti in ambito matematico.

Grazie per la ripsosta dettagliata.
L'esempio è molto sbagliato in effetti, mentre scrivevo pensavo a un esempio che poteva essere estraneo agli argomenti del mio corso in questo primo anno e sulla scrivania ho il libro che parla di codici e ci messo crittografia .

Nel mio messaggio infatti avevo sottolineato tra apici il "fuori dal contesto informatico" e aggiunto un (per ora), proprio a sottolineare che al momento sono servite solo come base, ma già dal prossimo anno ho visto che sono necessarie per altre materie, come quelle da te citate.

linofex
28-06-2015, 22:13
non è che in Italia sia particolarmente pregiato, come corso di studio.
inoltre con le regole previdenziali attuali il tempo passato a studiare te lo. devi lavorare in più.
insomma una inculata totale
scusami ancora, ma non riesco a capire, a quale corso di studi ti riferisci?

MySQL
28-06-2015, 23:22
informatica e ingegneria informatica, così come la maggior parte dei corsi di laurea, sono notevolmente inflazionati da un lato e spesso non forniscono educazione all'altezza.
certo ci sono delle eccezioni ma il livello medio di preparazione di ingegneria informatica e informatica e in generale di quasi tutti i corso nuovo ordinamento sono desolati

linofex
28-06-2015, 23:39
informatica e ingegneria informatica, così come la maggior parte dei corsi di laurea, sono notevolmente inflazionati da un lato e spesso non forniscono educazione all'altezza.
certo ci sono delle eccezioni ma il livello medio di preparazione di ingegneria informatica e informatica e in generale di quasi tutti i corso nuovo ordinamento sono desolati
ora ho capito. Anche un mio ex professore mi aveva fatto un discorso del genere, già dal vecchio al nuovo ordinamento (parlo per ingeneraria) il livello di preparazione offerta è diminuito (come punti di riferimento uso il confronto dei programmi dei corsi e altre cose).

Visto quello che hai detto, cosa mi consigli di fare al di fuori dell'università? Cioè argomenti da approfondire e che magari con la tua esperienza è utile sapere bene? (so che è una domanda troppo generale, ma almeno qualche idea..)

MItaly
29-06-2015, 01:41
Visto quello che hai detto, cosa mi consigli di fare al di fuori dell'università? Cioè argomenti da approfondire e che magari con la tua esperienza è utile sapere bene? (so che è una domanda troppo generale, ma almeno qualche idea..)
Se intendi lavorare in ambito di programmazione, applicatici per i fatti tuoi; fai progetti tuoi, studiati linguaggi di vario tipo, pubblica il codice che scrivi, partecipa a community di livello adeguato. Se sei in gamba è facile che qualcuno ad un certo punto ti contatti.

Attualmente in azienda stiamo cercando programmatori che sappiano essere vagamente operativi in tempi brevi, e visto la preparazione tipica che forniscono molte facoltà di ingegneria informatica in ambito programmazione (cosa che il forum mi ricorda tristemente ogni giorno), prima di mettere annunci lì stiamo cercando con ogni altro metodo - nello specifico, ora come ora stiamo cercando gente su StackOverflow e su GitHub, dove prima di contattare un eventuale candidato ci si può fare un'idea del fatto che chi contattiamo sappia effettivamente scrivere codice - e non a caso, la maggior parte della gente (anche giovane) che troviamo e contattiamo in questa maniera salta fuori che ha già un lavoro di buon livello.

La cosa interessante è che il trend non è solo italiano
http://blog.codinghorror.com/why-cant-programmers-program/

Like me, the author is having trouble with the fact that 199 out of 200 applicants for every programming job can't write code at all. I repeat: they can't write any code whatsoever.


A surprisingly large fraction of applicants, even those with masters' degrees and PhDs in computer science, fail during interviews when asked to carry out basic programming tasks. For example, I've personally interviewed graduates who can't answer "Write a loop that counts from 1 to 10" or "What's the number after F in hexadecimal?" Less trivially, I've interviewed many candidates who can't use recursion to solve a real problem. These are basic skills; anyone who lacks them probably hasn't done much programming.

Speaking on behalf of software engineers who have to interview prospective new hires, I can safely say that we're tired of talking to candidates who can't program their way out of a paper bag. If you can successfully write a loop that goes from 1 to 10 in every language on your resume, can do simple arithmetic without a calculator, and can use recursion to solve a real problem, you're already ahead of the pack!


---edit---
Questo non per dire che i corsi di base (matematica, algebra & co.) non siano importanti - tutt'altro, si vede spesso anche il caso opposto (di gente che sa solo più o meno solo qualche linguaggio senza avere un minimo di profondità su "cultura scientifica" necessaria per affrontare praticamente ogni problema vagamente serio1) - però se ti interessa lavorare in ambito software non sperare che "facendo solo i compiti" e laureandoti anche con 110 e lode ti venga dato in mano qualcosa di minimamente sufficiente.


1. ma neanche su questo l'università ti garantisce niente; ancora mi sale la bile a pensare che uno qui sul forum che si è laureato con 110 e lode con tesi su un sistema di tracking di navi senza aver capito una mazza di latitudine, longitudine e proiezioni cartografiche.

Loading