PDA

Visualizza la versione completa : Brexit: l’Alta Corte inglese accoglie il ricorso dei pro-Ue: voti il Parlamento


Linkato
03-11-2016, 12:53
Per i giudici è l’assemblea di Westminster a doversi esprimere sull’avvio delle procedure formali per l’addio a Bruxelles. Il governo di Theresa May farà appello. Il ministro Fox: «Siamo delusi, il popolo si era espresso in un referendum. E noi siamo determinati a rispettare il risultato di quel voto»

Inevitabile io credo visto che erano stati firmati dei patti ben precisi negli anni '70: non basta un Referendum, occorre che si esprima a maggioranza il Parlamento.

Patti che ha firmato anche l'Italia, quindi sembrerebbe proprio che non basti un Referendum per uscire dall'Europa...

rebelia
03-11-2016, 20:22
vecchi saggi :D

comunque a me 'sta cosa dell'allungamento del brodo disturba molto; visto che la scelta era stata fatta, avrei preferito che il tutto si svolgesse in modo quanto piu' celere possibile, cosi' da poter ricominciare tutti a sistemare le ferite e andare avanti

... e invece adesso deve passare pure attraverso il parlamento, che si ritrovera' a scegliere se ratificare il voto con tutti i casini che ne seguiranno, oppure ad aggiustare il tiro, salvo poi tirarsi addosso gli accidenti di meta' della popolazione

Max Della Pena
03-11-2016, 23:37
La gente ha votato, il Parlamento non dovrà far altro che rispettare il volere popolare.

L'inghilterra non è il paese degli saltacarrovincitoristi o sceglitoriconvenevoli, il voto popolare uscirà sovrano.

Vincent.Zeno
04-11-2016, 00:34
La gente ha votato, il Parlamento non dovrà far altro che rispettare il volere popolare.

non è esattamente così: il referendum era consuntivo e si parla di trattati internazionali. è il parlamento che comunque deve decidere il da farsi. non può permettersi, per populismo, di agire "solo perché lo ha deciso il popolo" (in realtà solo la metà).
anche così nascono le guerre... :afraid:

http://www.alleyoop.ilsole24ore.com/2016/07/01/brexit-il-referendum-era-solo-consultivo-la-parola-al-parlamento/

"Quello a cui abbiamo assistito il 23 giugno è un referendum consultivo, che in quanto tale permette al popolo di esprimere la propria opinione. Ma spetta al parlamento decidere se prendere in considerazione o meno l’esito del voto", spiega Giunia Gatta, adjunct professor al dipartimento di policy analysis and public management dell’Università Bocconi di Milano.

lnessuno
04-11-2016, 11:15
Sta bene tutto. Però se si chiede al popolo di votare facendogli credere di poter effettivamente decidere in modo sovrano, e poi si dice "no vabbé ma hai votato male quindi facciamo che non conta, l'importante è quello che dice il Parlamento"... non si rischia di ficcarsi in un ginepraio ancora peggiore di quello da cui si sta cercando di fuggire? Patti chiari, amicizia lunga è stato soppiantato da "Vota come vuoi (ma se non voti come dico io conta il voto mio)"?

A sto punto non era meglio saltare il voto popolare? Tanto in parlamento ci stanno persone elette dal popolo stesso, di solito... e quindi rappresentative della volontà popolare, che il popolo lo voglia o no... :bhò:

rebelia
04-11-2016, 12:17
si, cameron non avrebbe dovuto impantanarsi in questo ginepraio, su questo credo che concordiamo tutti :D

quel che dici del parlamento e' vero, pero' ho come l'impressione che saranno sottoposti a moltissime pressioni da parte di chi vede l'intero quadro e non si limita ad ascoltare il primo farage che passa coi suoi populismi acchiappavoti

poi magari davvero la soluzione migliore e' andarsene, ma mi sa che i parlamentari avranno qualche mal di testa in piu' nel decidere, rispetto al vecchietto che fatica ad arrivare a fine mese e che "ai miei tempi" e pensa che farage sia la soluzione tout court

Vincent.Zeno
04-11-2016, 12:30
Sta bene tutto. Però se si chiede al popolo di votare facendogli credere di poter effettivamente decidere in modo sovrano, e poi si dice "no vabbé ma hai votato male quindi facciamo che non conta, l'importante è quello che dice il Parlamento"... non si rischia di ficcarsi in un ginepraio ancora peggiore di quello da cui si sta cercando di fuggire? Patti chiari, amicizia lunga è stato soppiantato da "Vota come vuoi (ma se non voti come dico io conta il voto mio)"?

A sto punto non era meglio saltare il voto popolare? Tanto in parlamento ci stanno persone elette dal popolo stesso, di solito... e quindi rappresentative della volontà popolare, che il popolo lo voglia o no... :bhò:
non ho capito se ne fai un discorso retorico o reale.
se, come dici, "è stato fatto credere di dover prendere una decisione" è stato un errore; per i motivi che ho detto. è proprio una questione tecnica.

lnessuno
04-11-2016, 13:13
Entrambe le cose, l'ho buttata sulla retorica ma il problema secondo me è serio. Capisco le questioni tecniche, ma in questo modo sembra che l'importanza di tali questioni sia legata più al risultato che al problema.

Il che fa un pessimo gioco per tutti: pro-brexit, pro-bremain ed il concetto stesso di democrazia.

Se avessero detto subito "diteci cosa ne pensate, ma quello che conta è il voto del parlamento" non ci sarebbe stato nulla di male. Ma quello che è successo puzza di becero opportunismo che ben poco ha a che fare con una democrazia sana.

Linkato
04-11-2016, 13:26
Evidentemente non solo in Italia l'informazione è carente... un commento del 1° Luglio 2016 a pochi gg dal Referendum e certamente non era neanche stato inviato il ricorso, quindi al di sopra di ogni sospetto.

"Attivazione che potrebbe anche non arrivare tanto presto, sebbene il messaggio arrivato da Bruxelles sia stato chiaro: no notification, no negotiation. C’è però un aspetto che pochi commentatori hanno evidenziato nell’illustrare i futuri scenari possibili indipendentemente da questa notifica. “Quello a cui abbiamo assistito il 23 giugno è un referendum consultivo, che in quanto tale permette al popolo di esprimere la propria opinione. Ma spetta al parlamento decidere se prendere in considerazione o meno l’esito del voto”, spiega Giunia Gatta, adjunct professor al dipartimento di policy analysis and public management dell’Università Bocconi di Milano."

Per quanti tirano in ballo la Democrazia occorre ricordare che, soprattutto, la Democrazia è rispetto delle regole...
Comunque c'è una polemica demagogica molto forte in Inghilterra adesso, secondo me influenzeranno anche la Corte Suprema, vedremo se avranno il coraggio di confermare che questo Referendum era consultivo e che occorre la ratifica di un voto al Parlamento...

lnessuno
04-11-2016, 16:05
Tra l'altro sarebbe interessante capire perché si è reso necessario il ricorso, visto che l'iter era evidentemente (ed ovviamente, a quanto pare) ancora da concludersi...

Io sono un palombaro dell'ignoranza e non faccio testo, ma possibile che nessuno (tranne pochissime eccezioni), nemmeno ai piani alti, si fosse accorto di questo "piccolo" particolare, vista la quantità di vesti stracciate e capelli strappati? :confused:

Loading