PDA

Visualizza la versione completa : Crisi esistenziale del laureato informatico che sogna di fare il designer


andbaz
12-08-2019, 19:12
Ciao a tutti, mi presento brevemente: mi chiamo Andrea, ho 26 anni e mi sono laureato 2 anni fa in Informatica a Verona; poi ho lavorato 2 anni in una multinazionale come programmatore Java mantenendo aggiornate applicazioni web. Mi sono licenziato da poco per tornare a studiare, incrementare le mie conoscenze orizzontalmente e alcune verticalmente e anche per altri motivi non importanti in questo contesto.

All'inizio di quest'estate ho avuto una crisi esistenziale davvero brutta per aver aperto quel famoso cassetto dei sogni (e dubbi), di cui uno è sempre stato quello di proseguire la strada del designer del prodotto, industriale o semplicemente diventare quella figura che vede la tecnologia non solo come un fine ma anche come un mezzo per progettare qualcosa di bello esteticamente, che si possa toccare con mano e che sia "intelligente" grazie ad una implementazione tecnologica.

Insomma, ho cominciato a capire che quello che vorrei fare come lavoro non sarebbe più stare in un ufficio 8 ore al giorno ma bensì in una sorta di laboratorio come un FabLab con la possibilità di sporcarmi le mani, progettare cose innovative e sfruttare le mie conoscenze tecnologiche come un valore aggiunto.

La mia idea per ora comunque gira a quella di continuare a studiare ed iniziare ingegneria informatica e dell'automazione a Ferrara perchè molto orizzontale, al contrario di un corso verticale come Sicurezza informatica a Verona oppure Intelligenza Artificiale a Bologna.

Domande:
1) Dopo una laurea triennale in Informatica che strada mi consigliate di percorrere? Lavorare, studiare, cambiare strada, fare un master, andare all'estero, etc.
2) Se continuare a studiare che tipo di magistrale scegliere? Verticale e molto specialistica, oppure orizzontale con esami trasversali.
3) Se un giorno volessi lavorare come designer del prodotto avendo studiato da autodidatta in parallelo ad ingegneria sto facendo una cazzata?
4) Altre domande in arrivo...

Grazie mille! State salvando il me stesso del fututo, sappiatelo.

jimbo0
12-08-2019, 21:43
Mi pare che un punto fermo ci sia: vuoi fare cose che "si toccano" e occuparti della presentazione/design del prodotto.
Il primo consiglio è partire da quello ed eliminare tutte le strade che si allontanano.
- Sicurezza informatica: non c'entra nulla.
- Intelligenza artificiale: il discorso è un po' diverso. Magari non all'università, ma se ti piace il campo della robotica, lì ovviamente ci sono prodotti da costruire. Non parlo necessariamente di cose alla Boston Dynamics, qualunque braccio meccanico per automazione industriale ha bisogno di qualcuno che lo progetti. Ad esempio, mi sovviene che il mese scorso ero in un'azienda a Zurigo che fa bracci robotici per utilizzo casalingo (aiuto agli anziani) e in ambito ristorazione (tipo miscelatore di cocktail). Questi prodotti sono pensati e prodotti curando i minimi dettagli del design, perché devono essere venduti e presentati al pubblico. Certo c'è da dire che neanche Intelligenza artificiale è l'indirizzo che sceglierei se fossi deciso a concentrarmi su "design del prodotto". Tra l'altro non è certo l'indirizzo più facile :D .

Prima di cominciare con un post da 10k parole però cerco di rispondere alle domande:
1) continua a studiare. Hai detto che ti piace il web, puoi lavorare come freelance nel frattempo (SOLO nel frattempo) e dare SEMPRE priorità allo studio. Vale a dire: non accettare progetti grandi che ti portano via troppo tempo.
2) non ho ben capito quali sono le alternative che attraversano sia l'informatica che il "design del prodotto", quindi non so aiutarti. Dovresti fare una ricerca approfondita su cosa offrono le varie università.
3) qui non saprei, ma tenderei a dire che sarebbe meglio lavorare in un ambito in cui si ha conoscenza accademica

Kahm
14-08-2019, 08:46
Insomma, ho cominciato a capire che quello che vorrei fare come lavoro non sarebbe più stare in un ufficio 8 ore al giorno ma bensì in una sorta di laboratorio come un FabLab con la possibilità di sporcarmi le mani,
.

sporcarsi le mani..uhm

https://media.giphy.com/media/BaiEdRwCzfgdy/giphy.gif



progettare cose innovative e sfruttare le mie conoscenze tecnologiche come un valore aggiunto.
.
mi ricordi tanto me stesso tanti anni fa,
quando completai gli studi, avevo tanta voglia di imparare, di fare, di aiutare il mondo a diventare qualcosa di migliore.
Poi un giorno suonò al citofono :
Kahm:"chi è ?"
al citofono: "sono la realtà, apri"

Forse in Canada, Germania, qua boh..

Loading