PDA

Visualizza la versione completa : Futuro di Google & company


alvi2000
28-02-2004, 10:42
Faccio alcune osservazioni rimanendo un po' sul vago; quindi quelli che conoscono un po' di cose capiscono ;) ....

Negli ultimi anni internet é diventato sempre di più un 'affare' e questo era prevedibile e neanche un male. I motori di ricerca che generano risultati svinclati da una logica economica hanno sempre offerto un servizio all'utenza e anche ai webmaster che realizzando siti hanno potuto e possono indicizzarli e posizionarli bene a costo ZERO.

Fino a quando sarà così?
Fino a quando un Mdr offrirà un mercato in cui si può ottenere pubblicità a costo ZERO attirando tutti i possibili speculatori che rivendono tale pubblicità a prezzi correnti?

Una volta c'era il webamster con il suo sito informativo, realizzato per passione o per ragioni di studio e il Mdr lo indicizzava giustamente GRATIS... ma ora tutti vogliono guadagnare e niente come un Mdr che fornisce risultati free rappresenta meglio una risorsa preziosa, una miniera d'oro a cielo aperto...

Un mdr, uno a caso Google, permetterà che altre realtà sfruttino sempre liberamente e gratuitamente il mezzo SOVRAPPONENDOSI al motore per offrire a loro volta risultati a pagamento?

Ho come l'impressione che l'era dei grandi motori stia finendo ;)
e lascerà il posto a qualche altra soluzione, quale?
L'era delle grandi directories?

:ciauz:

key
28-02-2004, 11:22
Un motore guadagna facendo un servizio

alvi2000
28-02-2004, 11:49
Originariamente inviato da key
Un motore guadagna facendo un servizio

abbastanza ovvio ;)
ma guadagna per quale servizio?

Linkato
28-02-2004, 12:14
Originariamente inviato da alvi2000
abbastanza ovvio ;)
ma guadagna per quale servizio?
adwords e adsense (in particolare quest'ultimo) penso saranno o già sono i fenomeni pubblicitari più travolgenti e di successo negli ultimi anni pubblicitari in Internet...
tieni anche rpesente dalla liquidità che arriverà copiosa dalla borsa...
io penso che Google possa andar avanti benissimo così, anzi...!
Il problema si pone per gli altri motori di ricerca che non riescono a dare liquidità ai loro servizi gratuiti...
Virgilio, ad esempio, se non avesse l'appoggio della homepage predefinita per gli utenti telecom sarebbe già chiuso...
molti altri sono già in crisi...

alvi2000
28-02-2004, 12:39
Che Google predomini sul campo non ci sono dubbi...

Quello su cui stavo riflettendo é... :dottò:

I risultati di Google sono e saranno sempre di più inquinati o sempre di 'minor qualità', per usare un'espressione migliore, a causa proprio di questo enorme potenziale che offre ai webmasters ... cioé l'accesso gratuito.

Il webmaster ottiene pubblicità a costo zero e la rivende ad un prezzo X, molte volte senza generare alcun valore in più per l'utente e quindi per il Mdr.

Mi spiego meglio...o peggio :eek:

Stare in testa con un sito con dei contenuti X che tra le altre cose ha dei banner o pubblicizza Y per campare va bene, ma cosa diversa é stare in testa con una pagina che vende esclusivamente pubblicità per quella chiave...

Insomma entro poco tempo i risultati di Google saranno sostituiti da risultati di siti che vendono pubblicità per quelle chiavi...
in pratica Google dirotta soldi ai webmasters e in cambio ottiene solo un peggioramento dei propri risultati...

non so quanto può durare

Linkato
28-02-2004, 13:28
Devo dire che per adesso, pur avendo avuto un peggioramento riscontrabile, la qualità delle ricerche è sempre molto alta.
Finchè Google restituirà una qualità alta andrà benissimo... forse il vero problema è che Google s'è accorto d'essere "troppo buono" e sta cercando d'andare ai ripari (più o meno è la direzione che paventi tu). La mia impressione è che stiano appunto cercando un equilibrio senza "inquinare" più di tanto la possibilità ai webmaster d'ottenere queste risorse gratuite... per me, per adesso, siamo ancora in una fase ottima. Certo, per il futuro tutto è possibile, ma con la liquidità che Google ottiene in questo momento, non credo sia la loro principale motivazione cercare di ricavare ulteriore denaro sopprimendo le key/traffico gratuite (perchè anche in questo momento io non riscontro un peggioramento). In fondo è questa filosofia che li ha fatti conoscere e fatti diventare ricchi.
Un certo assestamento è cmq possibile... e forse lo stiamo già vedendo adesso.

alvi2000
28-02-2004, 14:31
si hai ragione, per ora i risultati vanno ancora bene...

cmq, si sta profilando sicuramente un 'nuovo' affare per i webmasters. A ciò é legata la caccia al PR...mai come ora si parla di PR, benché tale indice ci sia da parecchio tempo...insomma sono tutte cosette legate l'una all'altra di cui si può intuire la portata senza entrare nello specifico ;)

D'altra parte qualcosa deve sostuire l'affare dei dialer di cui non si parla più... ;)

vedremo come va...

:ciauz:

Martin_fly
01-03-2004, 11:53
Ci hanno già provato in tanti siti a fare quello che dici tu (vedi gaglo e company), ma G li ha già spazzati via... ;)


:ciauz:

Blade2001
01-03-2004, 13:02
Quando, finalmente, arriverà il web semantico (qindi il contenuto reale non potrà essere confuso), i MDR daranno risultati corretti al 100%, senza possibilità di cascare in qualche trucchetto SEO.

Naturalmente ce ne vuole ancora un bel po' ma è la strada che qualunque motore di ricerca serio sta seguendo.
Il problema è che non si tratta solo di "algoritmi intelligenti", ma le stesse pagine dovranno essere scritte in modo da rendere espliciti i contenuti.

Divagando, posso supporre che un giorno non tanto lontano (spero) ci sarà la distinzione tra pagine "NewWeb" (create nel modo corretto) e pagine "OldWeb" (vechio stile) e con un po' di fortuna i webmaster saranno forzati a farle bene altrimenti non verranno considerate dai MDR, e non potranno quindi essere trovate dagli utenti...
Questo accelererà il processo di "conversione" :-)

Sono troppo utopico?

Sergiof4
01-03-2004, 16:15
Blade, quali sono secondo te le caratteristiche tecniche essenziali per considerare una pagina "neoweb"?

Mi interessa tantissimo la tua risposta...

Grazie

Sergio

Loading