PDA

Visualizza la versione completa : Ridurre consumi sul portatile


Sergej_D
02-04-2005, 21:28
Ho acquistato da poco un portatile (per la prima volta) e ci ho messo ubuntu.
Mi chiedevo quali "tattiche" sia il caso di utilizzare per allungare il più possibile la durata della batteria (non parlo, per ora, di ricompilare il kernel).

Uso gnome: avere molte applet aperte fa aumentare i consumi?
Se all'avvio togliessi l'avvio di servizi che non sempre mi servono (come mysql, apache e molte altre cose) la durata della batteria potrebbe aumentare?

Avevo sentito parlare di un programma che è in grado di fare andare il processore a una velocità inferiore, riducendo i consumi. Esiste davvero??

Grazie per i consigli! :zizi:

Sergej

cacao74
02-04-2005, 21:39
azz... le risorse del forum!!!

un mega thread inaugurato da GiorgioM:
http://forum.html.it/forum/showthread.php?s=&threadid=578304

ciao

maiosyet_2
02-04-2005, 21:44
http://forum.html.it/forum/showthread.php?s=&threadid=578304

Edit: ho perso tempo a cercarlo e segio mi ha battuto sul tempo :fagiano:

FreeSoul
02-04-2005, 21:44
è molto difficile limitare il consumo.è molto tempo che studio il problema.
comunque ti posso dire, oltre che a disabilitare tutto quello di superfluo nel tuo utilizzo, dividi l'HD in 2 o più sezioni. Ho notato che una partizione unica consuma molto perchè ad ogni accesso al disco si tira tutto in memoria (o quasi) e quindi far lavorare l'HD significa consumare energia.
Infatti, ultimamente, la ACER consegna le macchine con 2 partizioni.

Sergej_D
02-04-2005, 21:48
Avevo visto quel thread... appena trovo un po' di tempo provo.

Più che altro mi interessava sapere l'incidenza sul consumo della batteria dei servizi attivi, di programmi più o meno in background, etc... :)

Sergej

Trotto@81
03-04-2005, 12:40
Il post di giorgio è ottimo per quanto riguarda la cpu, ma c'è altro, come l'hard disk che influsice molto sul consumo, e lo stesso monitor.
Su linux&C di questo mese, precisamente anno 7 numero 45 c'è un tutotial di ben 14 pagine sull'argomento. Davvero ben fatto.
In questa prima parte tratta solo la gestione della cpu, nei successivi numeri affronterà tutto il resto come hard disk e monitor lcd.
Consiglio di prenderlo a chi interessa. Ripeto, davvero ben fatto, con troppe cose, più di quelle che servono. é strutturato in modo da introdurre con la teoria l'argomento e poi applicandolo in pratica a diversi tipi di cpu. In più ci sono le rece su alcuni laptop supportati alla grande dal nostro pinguino!!

wolf64
03-04-2005, 17:51
In rapporto a quanto detto da Trotto ho aggiornato il thread di Giorgio linkato nei post sopra aggiungendo la descrizione, suggerita da Linux & C, del nuovo governor della CPU "ondemand".
Appoggio il consiglio di Trotto di dare un'occhiata a quel tutorial, veramente ben fatto! ;)

In questo periodo sto cercando di ottimizzare ulteriormente le possibilità di risparmio energetico nel mio Toshiba M30-801 sotto Linux, devo dire con piacere che ultimamente sono riuscito ad abilitare le opzioni di sospensione, sia su RAM che su disco, sopratutto la prima è a mio avviso molto interessante, se la seconda non consuma niente, la prima consuma pochissimo, ma ha molta più velocità sia di spegnimento che di riavvio.
Anche lo spegnimento dello schermo fa risparmiare veramente molta energia.

Una nota per chi si mette a smanettare con le sospensioni, attenzione a quanto impostato per acpid (/etc/acpi/), spesso viene impostato di default nelle distribuzioni, negli script dello stesso acpid, lo shutdown (init 0) del computer premendo il tasto di accensione/spegnimento, però anche dalle sospensioni si esce con lo stesso tasto, e se per la sospensione su disco alla fine è un boot "diverso" (si potrebbe definire... "un boot a metà"!), ma sempre un boot, per quella su RAM non lo è (è una riaccensione del computer, ma con il sistema che è sempre rimasto caricato in RAM, l'unica parte che non si è spenta), così personalmente mi è capitato di uscire da una sospensione su RAM con la macchina che ripristinava tutto alla perfezione dopodichè... attivava lo shutdown!
Lo ho disabilitato, ci sono mille altri modi di gestire lo shutdown per renderlo comodo senza affidare la cosa al tasto di accensione/spegnimento!

Tornando al risparmio energetico, per contro devo dire che, anche disabilitando tutti i servizi possibili, la CPU ha comunque un minimo di attività, lo stesso X implica questo, basta aprire "top" per vedere che alcuni processi mangiano magari percentuali irrisorie, meno di un 1%, magari percentuali tipo uno 0.3%, però assieme portano magari a vedere la CPU lavorare a un 1-2%, lo vedo da Gkrellm, ma volendo guardare anche lo stesso Gkrellm consuma piccolissime percentuali, si nota il consumo un pochino di più quando la CPU lavora alla minima potenza e viceversa un po meno quando è alla massima (anche se con il governor "ondemand" la tengo di base alla minima in KDE, posso fare un cambio di governor passando a "performance" con una combinazione di tasti, se usate KDE non cercate questa opzione perchè è una cosa che mi sono fatto io, abbastanza semplice tra l'altro), in più noto un accesso al disco tramite Gkrellm ogni tot secondi che di fatto impedisce di mandarlo a nanna con le apposite opzioni di hdparm, e non ho ancora capito cos'è che provoca questo accesso, cioè, non è un problema di sicurezza, ma mi piacerebbe vedere se riesco a disabilitarlo.

Riflessione

In effetti più servizi si disabilitano e meno risorse vengono consumate, di conseguenza anche meno energia viene consumata, ma.... la riflessione riguarda il fatto che il computer deve essere anche e sopratutto comodo, in base all'utilizzo frequente che ne faccio, se in nome del risparmio energetico portato all'estremo devo tutte le volte riabilitare un servizio (e magari ri-disabilitarlo alla fine), la batteria durerà decisamente di più, ma perdo una parte consistente di quella comodità che questa macchina dovrebbe darmi!
In totale la parola giusta dovrebbe essere "compromesso", compromesso tra il disabilitare quanto possibile, riflettendo però se vale la pena di disabilitare certi servizi che utilizziamo più spesso.

Ikitt
03-04-2005, 17:58
Originariamente inviato da wolf64
[...]in più noto un accesso al disco tramite Gkrellm ogni tot secondi che di fatto impedisce di mandarlo a nanna con le apposite opzioni di hdparm, e non ho ancora capito cos'è che provoca questo accesso, cioè, non è un problema di sicurezza, ma mi piacerebbe vedere se riesco a disabilitarlo.
Forse syslog (o chi per lui) che salva periodicamente i log su disco?

wolf64
03-04-2005, 18:28
Originariamente inviato da Ikitt
Forse syslog (o chi per lui) che salva periodicamente i log su disco?

Ho provato a disabilitare anche quello, guarda, le ho provate tutte, praticamente ho provato a disabilitare tutto il disabilitabile (a momenti, con la Slack, facevo prima a.. lanciare un chmod -x * in /etc/rc.d!!! :D), più che altro sarebbe interessante se ci fosse un utility che ti dice quali applicazioni stanno accedendo al disco, tipo top, che però ti fa vedere il task che sta accedendo, forse spulciando meglio tra le opzioni di top... :rollo:

wolf64
13-05-2005, 17:00
Nonostante ci sia quest'altro (http://forum.html.it/forum/showthread.php?threadid=578304&highlight=laptop) aperto da Giorgio che contiene molti consigli utili, riuppo questo in quanto riprendo il filo del discorso fatto nei miei post sopra scritti.

Dunque, acquistando l'ultimo numero di Linux & C. ho trovato degli utilissimi suggerimenti al riguardo, inanzi tutto, per avere un'idea di quanti accessi ci sono al disco e, in parte, quali, è utile come forma precauzionale disabilitare temporaneamente il syslogd (es. "# killall syslogd"), impostare un bel:
"# echo 1 > /proc/sys/vm/block_dump"
dopodichè, con un:
"# cat /proc/kmsg"
verranno rilevati tutti gli accessi al disco.

A parte questo, la cosa ancora più utile che ho letto in Linux & C. è l'uso di "laptop-mode", una utility formata da una parte che è inclusa negli ultimi kernel, e un'altra parte formata da degli script per acpi (o anche apm, anche se in questo caso c'è qualche funzionalità in meno) più un file di configurazione.
Anche la documentazione non è male (in inglese)

Questa feature si occupa principalmente della gestione del risparmio energetico del (o dei) disco rigido, utile sopratutto nel caso di uso di filesystem di tipo journaling (dove l'accesso al disco è, per forza di cose, più frequente).
Nel mio caso ho notato un sensibile allungamento della durata della batteria in rapporto a prima.

Collegamenti utili sono principalmente l'articolo su Linux & C, poi se guardate nella documentazione di uno degli ultimi kernel trovate il file "laptop-mode.txt".
Sia l'articolo che il file vi rimanderanno al seguente link:
http://www.xs4all.nl/~bsamwel/laptop_mode/tools
da dove potete scaricare il tarball contenente gli script o il pacchetto se avete Debian, attualmente la versione è la 1.05, io uso Slackware (non si era capito?! :D ), ho trovato un pacchetto su linuxpackages, ma di una versione precedente (la 1.00), così me lo sono "impacchettato" io, comunque l'ultima versione supporta anche l'installazione nella Slack dal tarball (potete leggerlo anche nel changelog).

Buon divertimento! :)


:ciauz:

Loading