PDA

Visualizza la versione completa : repository software linux in futuro


weatherman
04-04-2005, 12:48
In un futuro ipotetico in cui linux ha ormai conquistato la quasi totalita' del mercato desktop suppongo che la quantita' di software per esso sviluppato sara' enorme. A quel punto sara' ancora sostenibile una soluzione di installazione software con i vari apt-get yast emerge etc.? Oppure trionfera' il modello autopackage e il software verra' installato piu' o meno come si fa ora su windows?

Ikitt
04-04-2005, 12:53
Originariamente inviato da weatherman
In un futuro ipotetico in cui linux ha ormai conquistato la quasi totalita' del mercato desktop suppongo che la quantita' di software per esso sviluppato sara' enorme. A quel punto sara' ancora sostenibile una soluzione di installazione software con i vari apt-get yast emerge etc.?
Sicuramente per il nucleo fondamentale delle distribuzioni si.
Inoltre, una distribuzione non deve necessariamente (e infatti non e` cosi`) pacchettizzare tutto il software esistente, ma solo quello piu` popolare -secondo la fascia di riferimento ovviamente-, oltre ovviamente a quello necessario.



Oppure trionfera' il modello autopackage e il software verra' installato piu' o meno come si fa ora su windows?
Dubito molto che il modello di autopackage 1.0 trionfera`. Una certa integrazione con il package manager e` semplicemente necessaria, e per ora non c'e`.

Il sistema di gestione dei pacchetti cosi` com'e` ora non mi pare abbia grossi problemi di scalabilita`, in quanto tale.
Servirebbero politiche piu` rigide e standard piu` forti su come creare i pacchetti, questo si, ma e` prevalentemente -a parer mio- un problema di uso, non intrinseco.

Marcolino's
04-04-2005, 19:40
Originariamente inviato da weatherman
In un futuro ipotetico in cui linux ha ormai conquistato la quasi totalita' del mercato desktop suppongo che la quantita' di software per esso sviluppato sara' enorme.

E' già immenso, se lo sarà di più non cambierà molo il metodo attuale di gestione delsoftware.


A quel punto sara' ancora sostenibile una soluzione di installazione software con i vari apt-get yast emerge etc.? Oppure trionfera' il modello autopackage e il software verra' installato piu' o meno come si fa ora su windows?
Un tempo c'era CVS e c'è ancora, per tutto il resto hai già risposto da solo, daltronde se fosse possibile sapere in anticipo la sestina del superenalotto ... :D

Il fatto è che fino a quando ogni distro si modificherà il suo tool a modo e somiglianza personale sarà comunque così.
Vuoi sapere se smetteranno di crearne di nuovi o modificare gli attuali tools? Leggi sopra a proposito del superenalotto :D

Loading