PDA

Visualizza la versione completa : JDK e digressioni


Sgnafurz
11-04-2005, 20:34
è un periodo che penso a come stavo prima di lavorare nel settore informatico e mi chiedo "ma a uno che ca22o gli cambia nella vita se sa o non sa cosa è il JDK o stronzate simili??"
:dottò:
cioè se uno nella vita fa il falegname, poi si può fare anche un tavolo per casa sua, mobili e sedie eccetera...oppure uno muratore si aggiusta la casa, si fa i muri ecc...ma se uno fa siti web...che cacchio di vantaggi ha poi nella vita privata, si fa il sito personale colle foto? :dottò:

che bello pensare a quando avevo 18 e se uno mi avesse detto

"la classe da un'eccezzione" oppure "metti un overflow a quel DIV"

gli avrei risposto "ma baffanculo :biifu: "

insomma poi bisogna anche pensare che dopo il nuovo papa verrà il turno di Pietro II e li sono ca22i perché arriva l'Apocalisse, quindi mi sa che prima o poi mi tocca imparare un mestiere serio :incupito:

RombodiSuono
11-04-2005, 20:36
Certo che quando compri roba così buona potresti anche cumbidare :D

friazino
11-04-2005, 20:37
Sei ancora in tempo ad andare a lavorare dal falegname. :ciauz:

Sgnafurz
11-04-2005, 20:37
Originariamente inviato da RombodiSuono
Certo che quando compri roba così buona potresti anche cumbidare :D

ma io sono serio :incupito:
e a te nn ti cumbido mi hai dato del pappacani :dottò:

Tommy Snello
11-04-2005, 20:40
Originariamente inviato da Sgnafurz
è un periodo che penso a come stavo prima di lavorare nel
.............


io ho capito e approvo :madai!?:

Sgnafurz
11-04-2005, 20:43
Originariamente inviato da Tommy Snello
io ho capito e approvo :madai!?:

lo sapevo che non ero pazzo :fighet:

assert();
11-04-2005, 20:46
passa un pò sta roba.... :zizi:

Nosferatu
12-04-2005, 22:18
Ti uppo la discussione, perché anch'io ero nella tua stessa situazione.
Un mio amico mi diceva che visto com'ero fatto avrei fatto meglio a convertirmi al buddhismo, ma non l'ho mai fatto.

In effetti il mio problema era l'impressione di non concorrere affatto a fare un pianeta migliore, che può anche sembrare una grande stronzata, ma a conti fatti è esattamente il fine ultimo per cui ci ostiniamo a sopravvivere.

E perdonate la filosofia.

La sensazione si è pure accentuata da quando la mia ragazza ha cominciato a lavorare nel settore assistenziale, quindi estremamente orientata al prossimo.

Comunque dopo 5 anni di web-coso, fatti dimostrando difetti incolmabili, ma anche avendo fatto lavori ammirati e strapagati, ho preferito cogliere l'occasione per dire ciao al settore.

Sono (spero) riuscito a conciliare competenze e convinzioni filosofiche trovando lavoro nel settore delle energie rinnovabili, che fa un gran fico a dirlo e soprattutto mi "illude" di aver fatto del bene anche un po' al pianeta quando incasso lo stipendio.
Devo dire che per quanto poco possa valere per qualcuno, a me tira davvero su il morale pensarci quando magari ho avuto una giornata di merda per qualche motivo. Almeno penso "Beh, ho una precisa responsabilità nei confrondi di chi verrà dopo di me di tener duro".

In passato ho lavorato anche in settori contrari ai miei personalissimi principi, e mi sono dovuto licenziare: non mi sopportavo più, ed era un casino trovare il buon umore per ricominciare il lunedì mattina...

Per quanto mi riguarda, ti consiglierei di guardarti intorno e scegliere prima di tutto un settore che ti interessa. Poi eventualmente il tuo ruolo all'interno di una ditta di quel settore non è così fisso: io sono un tecnico nato, ma sono finito nel settore commerciale, e non mi faccio schifo come i commerciali di quando ero tecnico! Voglio pensare che sia il settore che fa la differenza.

robalzi
12-04-2005, 23:40
Originariamente inviato da friazino
Sei ancora in tempo ad andare a lavorare dal falegname. :ciauz:

Forse si sta già allenando. :stordita:

Sgnafurz
13-04-2005, 10:40
Originariamente inviato da robalzi
Forse si sta già allenando. :stordita:

:biifu:

Loading