PDA

Visualizza la versione completa : [Vajont] Ma che successo?


l'evangelista
01-07-2005, 10:32
QUalcuno sa per caso cosa successo in questi mesi al cimitero per le vittime del Vajont?
Ho trovato diverso materiale in rete ma tutto confuso e disordinato.. da quanto ho capito stato smantellato il vecchio cimitero e ne stato costruito uno nuovo
http://www.wineathomeit.com/vajont2003/cimiteronline/

con cippi al posto delle lapidi, senza nemmeno i nomi dei defunti :dott: cosi che non piu nemmeno possibile portare fiori ad un parente morto in quel disastro perch non si sa quale sia la lapide giusta :rollo:

tranne la lapide del vescovo, quella l'unica rimasta :dott: (da quanto ho capito non nemmeno morto durante il disastro)

vorrei capirci meglio, il comitato dei famigliari delle vittime ha dato il via una petizione online che andrebbe diffusa ma non come ripeto pubblicano materiale confuso

iguane
01-07-2005, 10:47
se successo davvero quello che dici proprio triste :incupito: :incupito: :incupito:

rebelia
01-07-2005, 10:49
Originariamente inviato da l'evangelista
vorrei capirci meglio

puoi metterti in contatto con il comitato sopravvissuti (http://www.sopravvissutivajont.org): sono sicura che ti potranno dare una mano

l'evangelista
01-07-2005, 10:49
Originariamente inviato da iguane
se successo davvero quello che dici proprio triste :incupito: :incupito: :incupito: eh da quanto ho letto il sindaco di Longarone, ad un cittadino che gli faceva notare che non poteva pi trovare un parente visto che le lapidi sono anonime, ha risposto "ora non sono pi i vostri morti, sono i morti di Longarone" :master:
strano che non se ne parli

iguane
01-07-2005, 10:51
Originariamente inviato da l'evangelista
eh da quanto ho letto il sindaco di Longarone, ad un cittadino che gli faceva notare che non poteva pi trovare un parente visto che le lapidi sono anonime, ha risposto "ora non sono pi i vostri morti, sono i morti di Longarone" :master:
strano che non se ne parli

e invece pi che normale che non se ne parli....
ricordati che siamo in italia e che lo stato nn ci ha fatto una bella figura...quindi si insabbia e si nasconde tutto

wsim
01-07-2005, 10:53
Non vorrei si trattasse semplicemente di uno dei riordini periodici cui qualunque cimitero soggetto, il cui significato sia stato travisato o strumentalizzato...

ZaMM
01-07-2005, 10:56
Ho letto le didascalie di alcune foto: le tombe non sono anonime, ma scritte bianco su bianco, semplicemente si leggono male.

l'evangelista
01-07-2005, 10:57
Originariamente inviato da wsim
Non vorrei si trattasse semplicemente di uno dei riordini periodici cui qualunque cimitero soggetto, il cui significato sia stato travisato o strumentalizzato... Bhe ma qui hanno smantellato l'intero cimitero, buttato via le lapidi, ricoperto il terreno e messo nuovi cippi. Non lo chiamerei "riordino" :bh:

wsim
01-07-2005, 11:01
Originariamente inviato da l'evangelista
Bhe ma qui hanno smantellato l'intero cimitero, buttato via le lapidi, ricoperto il terreno e messo nuovi cippi. Non lo chiamerei "riordino" :bh:

Invece lo , si smantellano spesso alcune zone di vecchi cimiteri per spostare altrove i defunti, solitamente raccogliendoli in loculi per questioni di spazio...

Mi sembra che qui l'intento sia stato quello di riordinare le vittime della tragedia in un unico settore cui stata data uniformit, trattandosi di un cimitero simbolo di una tragedia, come una sorta di monumento nazionale.

Chiaramente bisognerebbe saperne di pi, non vorrei che quel sito Internet fosse stato ideato da qualcuno che sar stato contrario all'idea, cosa che in un paese normalissimo...

l'evangelista
06-07-2005, 14:35
Ho contattato la signora Micaela, presidente del comitato "sopravvissuti del Vajont".

Il cimitero doveva essere oggetto di un'opera di pulitura e rinnovo. Il problema che l'architetto a cui stato commissionato il lavoro intervenuto in maniera pesante sconvolgendo l'intero cimitero.
I familiari delle vittime sono rimasti sconcertati e delusi da un cimitero senza tombe n fiori, ma cippi uguali per tutti (le cui scritte, bianco su bianco, non sono facilmente riconoscibili -considerato che il disastro del 1963 e molta gente che si recava al cimitero era anziana).

Inoltre sono stati aggiunti defunti ritrovati nel corso degli anni, con il risultato che ovviamente le posizioni dei cippi non corrispondono al luogo di sepoltura originale.

Un brutto colpo al cuore per i sopravvissuti che ormai non riescono pi a riconoscere nel cimitero un luogo di memoria.

Oltre al danno, la beffa. Esiste ancora, in quel cimitero, una lapide. E' quella del vescovo Muccin, lasciata intatta, come se lui avesse diritto ad una sepoltura pi dignitosa e gli altri no.
Per inciso, Muccin non mor nel disastro, era solo vescovo di Belluno in quegli anni.

Loading