PDA

Visualizza la versione completa : 2 agosto 1980


jsmoran
02-08-2005, 09:08
«Se avessi con me un quaderno ce lo scriverei sopra» pensò.
«Oggi, stazione di Bologna, due agosto di un anno vicino al duemila, ore dieci e venti del mattino, tutti sono allegri perché partono, e faccio finta di partire anch’io».

http://www.stefanobenni.it/fabula/corsivi/manifesto/20020803.html

sustia
02-08-2005, 09:10
Segnalo anche un articolo di Bocca su Repubblica
http://www.repubblica.it/2005/h/sezioni/cronaca/stragebo/commebo/commebo.html

edit:

A Cossiga poi, senza citarlo mai, il giudice manda a dire che "gli uomini che all'epoca dei fatti ebbero alte responsabilità istituzionali farebbero bene ad approfondire le gravissime coperture di cui poterono godere i vertici dei servizi nominati dalle più importanti cariche dello Stato quando tradirono in modo così sconcertante la loro divisa e la loro funzione".
http://www.repubblica.it/2005/h/sezioni/cronaca/stragebo/stragebo/stragebo.html

agiaco
02-08-2005, 09:29
Originariamente inviato da jsmoran
«Se avessi con me un quaderno ce lo scriverei sopra» pensò.
«Oggi, stazione di Bologna, due agosto di un anno vicino al duemila, ore dieci e venti del mattino, tutti sono allegri perché partono, e faccio finta di partire anch’io».

http://www.stefanobenni.it/fabula/corsivi/manifesto/20020803.html
Quello di Benni è uno dei racconti più belli che abbia mai scritto.

nazgul
02-08-2005, 09:36
Ero partito pochi giorni prima da Bologna, ci tornai qualche settimana dopo il 2, passai li davanti, non so descrivere cosa provai, avevo solo dieci anni, ma mi è rimasto sempre impresso.

GattoBastardo
02-08-2005, 09:45
Originariamente inviato da nazgul
Ero partito pochi giorni prima da Bologna, ci tornai qualche settimana dopo il 2, passai li davanti, non so descrivere cosa provai, avevo solo dieci anni, ma mi è rimasto sempre impresso.

io da piccolo avevo la passione dei treni. Si, avevo il regolamentare trenino ma vederli dal vivo era fantastico, ricordo. Mio padre mi aveva promesso che prima o poi mi avrebbe portato a fare un giro in treno, a Bologna, che nel mondo fatato dei bambini stava alla fine del mondo, poco prima delle cascate eterne del mare, dove cadono le navi dei pirati.

Prima o poi era quel giorno. Un provvidenziale mal di denti costrinse mio padre a letto e me a casa.


mi fermo sempre davanti alla crepa nel muro, quando ci passo :(

Reddo
02-08-2005, 09:47
E' stata una cosa che mi ha lasciato senza parole e interdetto per molto tempo ... e tutt'ora sento un brivido quando ci passo vicino.

GattoBastardo
02-08-2005, 09:49
chissa' se qualche tv fara' qualcosa di piu' che il solito coccodrillo...

chesso', anche solo trasmettere "da 0 a 10", che per inciso e' fin quasi commovente, sulla questione della stazione di bologna

Reddo
02-08-2005, 09:50
Mah, spero non ci siano le solite provocazioni e farse, a volte ci si dimentica che delle persone sono morte in quella occasione.

pierofix
02-08-2005, 09:54
Originariamente inviato da jsmoran
«Se avessi con me un quaderno ce lo scriverei sopra» pensò.
«Oggi, stazione di Bologna, due agosto di un anno vicino al duemila, ore dieci e venti del mattino, tutti sono allegri perché partono, e faccio finta di partire anch’io».

http://www.stefanobenni.it/fabula/corsivi/manifesto/20020803.html

Grazie per avermi dato l'occasione di leggerlo. :ciauz:

vanloon
02-08-2005, 09:58
Bologna [..] che sa stare in piedi per quanto colpita


http://www.stragi.it/

Loading