PDA

Visualizza la versione completa : tu lo sapevi che l'ENEL ti ruba in casa con il nuovo contatore?


sparwari
27-09-2005, 04:28
se questa cosa è vera... :dhò:


1. I nuovi contatori elettronici, a differenza dei precedenti, misurano oltre alla “potenza attiva” anche quella “reattiva”, facendoci pagare fino al 33% in più. Cerchiamo di spiegarci.
- Nel circuito di casa scorre corrente alternata, in cui corrente e tensione variano ciclicamente nel tempo, da valori positivi a valori negativi, e anche nulli.
- I vari strumenti che assorbono energia elettrica reagiscono in modo molto diverso: un elemento resistivo, come una lampadina a incandescenza, un boiler elettrico, ecc, “vede” tensione e corrente in fase tra loro, e la potenza assorbita è pari semplicemente al prodotto della tensione e della corrente; un sistema che assorbe attraverso elementi non resistivi, per esempio condensatori o bobine, come la maggior parte dei motori degli elettrodomestici, per sua natura “vede” invece tensione e corrente generalmente sfasate tra loro, e assorbe per questo una potenza minore.
- Ora, mentre la potenza effettivamente assorbita, o consumata, da un sistema è detta “potenza attiva”, ed è quella che effettivamente “svolge il lavoro”, in altre parole eroga un servizio all’utente, la “potenza apparente” è quella calcolata dalla brutale moltiplicazione dei valori assoluti, e massimi, della tensione per la corrente, che il fornitore deve comunque erogare all’utenza: la differenza tra questa potenza “totale” e quella “attiva” è detta “potenza reattiva”, che non svolge attività diretta, anche se comporta una produzione di energia “alla fonte” (cioè da parte del produttore, cioè ENEL).
- Il rapporto tra “potenza attiva” e “potenza apparente” è detto “fattore di potenza” e mediamente, considerando le apparecchiature presenti in una abitazione, questo valore è pari o superiore a 0,75. Questo significa che se pagassimo tutta la potenza prodotta da ENEL per la nostra utenza, cioè la “potenza apparente”, e non quella effettivamente consumata (“potenza attiva”), pagheremmo anche il 33% in più!
- E’ proprio quello che è accaduto con i Contatori Elettronici: questi provvedono a “rifasare” la tensione e la corrente, così che l’utente paga non solo quello che effettivamente consuma, che dipende dal numero e dal tipo degli apparecchi che usa, sia per illuminazione che per altre funzioni, ma TUTTA la potenza che ENEL produce per quella utenza !!!
- Un esempio pratico: se utilizziamo una lampadina a basso consumo ma NON a incandescenza, paghiamo di più di quello che consumiamo, proprio perché tensione e corrente non attraversano la lampadina in fase ma con un certo sfasamento, tuttavia conservando i rispettivi valori massimi.
- In altre parole, e per concludere, con i Contatori Elettronici l’ENEL ci fa NATURALMENTE pagare fino al 33% in più di energia, scaricando sugli utenti la PRODUZIONE di energia elettrica, anche quella che effettivamente non consumiamo, e in modo del tutto casuale, che non dipende dall’utente, il quale non può sapere come funzionano tutti i propri apparecchi elettrici.
- Che tutto questo sia vero lo dimostra la risposta del Sottosegretario di Stato alle Attività Produttive Mario Calducci, nella risposta a una interpellanza alla Camera, il giorno 22 Aprile 2004: “Il contatore elettronico permette, infatti, anche la misurazione dell'energia «reattiva»“ www.deputatids.it/deputati/Attivita/Deputato.asp?ID=10895 .

2. Un’altra bella conseguenza: la necessità di aumentare la potenza contrattuale .
- Oltre a pagare di più, con i contatori elettronici molti utenti sono stati “costretti” a chiedere l’aumento della potenza contrattuale fino a 4,5 kW, perché anche a fronte dello stesso consumo di prima (“potenza attiva”), ora si misura una potenza (la “potenza apparente”) più elevata, e la corrente salta in continuazione.
- Con questo, l’utente si trova a pagare una tariffa, sia fissa che per chilowattora, MOLTO più alta!
3. Con la “telelettura”, l’utente non ha più possibilità di controllo “in tempo reale”, e le contestazioni…
- Un tempo l’utente controllava in tempo reale, con l’incaricato ENEL, la lettura del contatore; ora questa viene effettuata in remoto.


http://www.ecquologia.it/sito/pag926.map?action=single&field.joined.id=47523&field.joined.singleid=47651

ma è vera questa cosa???

saibal
27-09-2005, 04:46
a me sa di solita bufala... un po' come l'autovelox nascosto nel bidone

ARCTiC
27-09-2005, 06:04
Cazzate, la potenza pagata e' quella attiva, il contatore misura anche la potenza reattiva, che serve all'enel per controllare la "sfasatura" dell'utente... e al massimo possono obbligarti a rifasare l'impianto, ma non c'entra nulla coi consumi ed e' comunque una situazione che non si verifica mai per le utenze domestiche.

Zero G
27-09-2005, 09:52
Originariamente inviato da ARCTiC
Cazzate, la potenza pagata e' quella attiva, il contatore misura anche la potenza reattiva, che serve all'enel per controllare la "sfasatura" dell'utente... e al massimo possono obbligarti a rifasare l'impianto, ma non c'entra nulla coi consumi ed e' comunque una situazione che non si verifica mai per le utenze domestiche.
Come se l'avessi scritto io. :zizi:

taddeus
27-09-2005, 09:58
A parte le varie imprecisioni, prima fra tutte - il limite per l'apertura del dispositivo non e' legato alla potenza ma alla corrente, esattamente come nei vecchi contatori - le utenze domestiche non hanno vincoli di rifasamento, in ogni caso banale da ottenere per impianti cosi' piccoli.

P.S. a me sono tre anni che la lettura del contatore 'in remoto' non viene effettuata.

Sergiao
27-09-2005, 09:59
:sonno:

ziofester
27-09-2005, 13:29
io non cioò capito una emerita mazza di quello scritto lassù

heroes3
27-09-2005, 13:30
Originariamente inviato da ziofester
io non cioò capito una emerita mazza di quello scritto lassù

anchio :zizi:

ianstilo
27-09-2005, 13:32
è una cosa vera....se hai energia reattiva vuoi dire che stai usando più energia di quanta ne hai scelta da contratto.... oppure hai un impianto di merda...in ogni caso se hai reattiva è colpa tua...e loro in un certo senso ti multano...

taddeus
27-09-2005, 13:34
Originariamente inviato da ianstilo
è una cosa vera....se hai energia reattiva vuoi dire che stai usando più energia di quanta ne hai scelta da contratto.... oppure hai un impianto di merda...in ogni caso se hai reattiva è colpa tua...e loro in un certo senso ti multano...
Cosa c'entra la reattiva con l'impianto?
Sono, eventualmente, le utenze ad essere colpevoli.

Loading