PDA

Visualizza la versione completa : la fabbrica di cioccolato


BubuKing
03-10-2005, 11:45
La ricerca del forum è disabilitata, quindi apro un thread.
Al massimo poi si può fare una fusione, non appena le lenti di ingrandimento dei criceti vengono riparate. Oppure chiudere questo. O bannarmi. Insomma, come moderatori preferiscono.

Sono andato a vedere la Fabbrica di Cioccolato, tratto dal libro di Roald Dahl "Charlie e la fabbrica di cioccolato", seconda riduzione dopo il film del '71 , famosissimo, con un giovanissimo Gene Wilder nei panni di Willy Wonka.
Il film del '71 è presente credo nella memoria di ognuno, anche perché sarebbe impossibile dimenticarlo, non foss altro per il fato che ogni natale viene riproposto in televisione.

Sono andato a vedere la versione di Tim Burton cercando di pensare che non avrebbe dovuto essere necessariamente un remake del film, ma semplicemente un adattamento personale del romanzo di Dahl.
Per una valutazione sulla fedeltà alla storia, mi riservo di procurarmi e leggere la favola coi miei occhi.
Sono andato al cinema con l'unica aspettativa di vedere una favola. Mi è piaciuto. Decisamente.
Il talento visionario di Burton e la sua perfezione formale la conosciamo tutti. Non ci sono mai sbavature, i movimenti sono perfetti, così come la direzione degli attori. Ma Burton ho l'impressione che sia uno di quei registi che lasciano poco agli attori, tranne che ai propri "feticci", un po' come faceva Fellini.
E' improponibile un confronto con il film del 71, perché quello era un musical abbastanza classico, questa invece è una narrazione più "convenzionale", fatta eccezione per gli inserti degli oompa loompa, che ho trovato spassosissimi, ironici.
E' praticamente ovvio che se ci si aspetta un'emulazione modernizzata del film con Wilder si rimanga delusi. Ma non sarebbe stato neanche intelligente, rifare un film già fatto.
Depp è un perfetto Wonka, i bambini sono meravigliosamente terrificanti, la fotografia è perfetta e le scenografie sono bellissime. C'è qualche inserto personale di Burton che non stona, sempre con il suo stile "nero" e ironico.
Cosa si richiede a una favola?
Che faccia sorridere, riflettere, che stupisca con immagini e colori, che abbia una morale. Queste cose ci sono, non mi pare che serva altro. (:

mame01
03-10-2005, 11:55
ndo stanno i voti?

BubuKing
03-10-2005, 11:58
Originariamente inviato da mame01
ndo stanno i voti?

Non si votano le favole, le si guarda (:

Zero G
03-10-2005, 11:58
"Quando tornerai a casa non sarò quì ad aspettarti"
Io lì sono rimasto malissimo...

BubuKing
03-10-2005, 11:59
Originariamente inviato da Zero G
"Quando tornerai a casa non sarò quì ad aspettarti"
Io lì sono rimasto malissimo...


E' una di quelle cose terribili e tremente che capitano nelle fiabe. Ci sta tutta, anzi, se è un'invenzione di Burton è splendida.

netghost
03-10-2005, 12:00
il maialEHM il bambino che impersona Augustus è perfetto come pure tutti gli altri bimbi sono odiosamente perfetti, da Veruka (la battuta di Wonka al suo nome è spassosissima) come è odiosamente barbie-girl la masticagomma e sua madre, mentre il giovane sparatutto/picchiaduro è l’emblema dei bimbi videogioco dipendenti di oggi.
Solo una cosa ho notato forzata, ovvero la somiglianza di Wonka a Micheal Jackson, è ricercato o voluto?

E Wonka e l’oompa-loompa/freud sono fantastici! Una curiosità, nel libro si parla dell’infanzia di Wonka e del suo rapporto con il padre? Io nel vecchio film non lo ricordo affatto. Però la ballata degli oompa-loompa di wilder è insuperabile, anche se questi in Computer Graphic sono fenomenali, ma il ritmo è meno affascinante

mame01
03-10-2005, 12:00
Originariamente inviato da BubuKing
Non si votano le favole, le si guarda (:

:cry:

BubuKing
03-10-2005, 12:02
Originariamente inviato da netghost
il maialEHM il bambino che impersona Augustus è perfetto come pure tutti gli altri bimbi sono odiosamente perfetti, da Veruka (la battuta di Wonka al suo nome è spassosissima) come è odiosamente barbie-girl la masticagomma e sua madre, mentre il giovane sparatutto/picchiaduro è l’emblema dei bimbi videogioco dipendenti di oggi.
Solo una cosa ho notato forzata, ovvero la somiglianza di Wonka a Micheal Jackson, è ricercato o voluto?

E Wonka e l’oompa-loompa/freud sono fantastici! Una curiosità, nel libro si parla dell’infanzia di Wonka e del suo rapporto con il padre? Io nel vecchio film non lo ricordo affatto. Però la ballata degli oompa-loompa di wilder è insuperabile, anche se questi in Computer Graphic sono fenomenali, ma il ritmo è meno affascinante

Non so se nel libro si faccia riferimento all'infanzia di Wonka, lo scopriremo solo leggendolo. (:

Qando ho visto l'oompa lompa vestito come David Lee Roth ho rischiato di cappottare :D

Zero G
03-10-2005, 12:02
Originariamente inviato da BubuKing
E' una di quelle cose terribili e tremente che capitano nelle fiabe.
Esatto.
È la visione dell'abbandono che potrebbe avere un bambino. Il genitore non se ne va, semplicemente.
Sparisce in toto senza lasciare traccia della sua esistenza tranne un vuoto, in questo caso sia reale che metaforico.

netghost
03-10-2005, 12:02
Originariamente inviato da BubuKing


Qando ho visto l'oompa lompa vestito come David Lee Roth ho rischiato di cappottare :D chi? :stordita:

Loading