PDA

Visualizza la versione completa : Ziofester...


Federiconet
23-10-2005, 17:45
Accantoniamo un attimo l'alta velocità che in Italia abbiamo altre priorità?

Tipo il dissesto idrogeologico :dottò:

Sennò vedi che fine fa l'eurostar...

http://www.repubblica.it/2003/e/gallerie/cronaca/trenobil/ansa69926032310143452_big.jpg

http://www.repubblica.it/2003/e/gallerie/cronaca/trenobil/ansa69926912310143440_big.jpg

http://www.repubblica.it/2005/j/sezioni/cronaca/crollaponte/trenobi/trenobi.html

cso
23-10-2005, 17:50
"phuà, terroni :incupito:"

sustia
23-10-2005, 17:51
Scioccanti quelle immagini, poteva succedere una strage.

Tra l'altro qui in Puglia, soprattutto in alcune zone, quando si verifica un nubifragio la portata dei danni è enorme.
Va bene che non si può prevedere, ma una gestione più razionale del territorio forse limiterebbe i danni.

Martin
23-10-2005, 17:55
Originariamente inviato da sustia
Scioccanti quelle immagini, poteva succedere una strage.

Tra l'altro qui in Puglia, soprattutto in alcune zone, quando si verifica un nubifragio la portata dei danni è enorme.
Va bene che non si può prevedere, ma una gestione più razionale del territorio forse limiterebbe i danni.

Report di stasera si occuperà proprio di questo...

"Prima le tragedie e poi le leggi. È così che dopo l?alluvione di Firenze del 1966, si cominciò a discutere di tutela dei territori a rischio idrogeologico. 3 anni dopo nascono i "Piani di Bacino". Ma, solo dopo la tragedia di Sarno, la legge 267 ha reso obbligatorio la messa in sicurezza dei centri abitati. Ogni fiume deve avere un piano di interventi, le opere sono delegate alle Regioni che vengono finanziate dal Ministero dell?Ambiente. Ma dal 2002 la legge 179, dà la facoltà al Ministro di finanziare, con urgenza, i comuni che hanno un dissesto, anche se non sono inseriti nei Piani di Bacino. Il risultato è che le opere iniziate dalle Regioni sono ferme, i cittadini che hanno subito le alluvioni negli ultimi anni, Alessandria, Casale Monferrato, Lodi, Monza chiedono sicurezza. E i soldi del Ministero dove vanno? Report ha fatto un giro nei comuni finanziati per verificare il criterio usato per distribuire i finanziamenti per il dissesto idrogeologico. Intanto i comuni che hanno dato concessioni edilizie contro il parere dei geologi, e in seguito sono stati colpiti dalle frane, da chi sono stati risarciti? Naturalmente dallo Stato. Sulla prevenzione sismica, si analizza un?ordinanza della Protezione Civile che ha creato scompiglio fra gli ingegneri e nelle regioni. La confusione è diventata totale quando si è sovrapposta un?altra legge del Ministero delle Infrastrutture, in contraddizione con l?Ordinanza che è diventata facoltativa, forse. Aspettando la prossima San Giuliano, speriamo bene. "

dvds
23-10-2005, 18:01
O_O

iBat
23-10-2005, 18:02
Originariamente inviato da dvds
O_O
:biifu:

Federiconet
23-10-2005, 18:05
Originariamente inviato da sustia

Va bene che non si può prevedere, ma una gestione più razionale del territorio forse limiterebbe i danni.

Ma assolutamente sì, cazzo....

iBat
23-10-2005, 18:14
Originariamente inviato da sustia
Scioccanti quelle immagini, poteva succedere una strage.

Tra l'altro qui in Puglia, soprattutto in alcune zone, quando si verifica un nubifragio la portata dei danni è enorme.
Va bene che non si può prevedere, ma una gestione più razionale del territorio forse limiterebbe i danni.

probabilmente anche una maggiore quantità di controlli sulle strutture ormai fatte non farebbe male :fagiano:

Ap0nE
23-10-2005, 18:32
Originariamente inviato da cso
"phuà, terroni :incupito:" :incupito: :incupito:

sustia
23-10-2005, 18:32
Originariamente inviato da iBat
probabilmente anche una maggiore quantità di controlli sulle strutture ormai fatte non farebbe male :fagiano:
Sì, ovvio.
I controlli li riferisco alle struttura ma in misura più generale al territorio.

Secondo me ormai devono cominciare a pensare che questi eventi saranno quasi "abituali", e prendere le contromisure.

Loading