PDA

Visualizza la versione completa : Microsoft out.. fine di un monopolio?


sylvaticus
01-11-2005, 00:42
Leggendo qui sembrerebbe si di:
http://www.espressonline.it/eol/free/jsp/detail.jsp?m1s=null&m2s=t&idCategory=4801&idContent=1129548

Però poi ho trovato anche questo..
http://archives.thedaily.washington.edu/1999/110899/N3.Microsoftc.html

..dice le stesse cose.. ma nel 1999 :-((

andy caps
01-11-2005, 01:02
:D dificile da credere attualmente con il 95% di computer con windows installato

interessante sarebbe scoprire come mai queste fughe
:madai!?: dato che difficilmente windows paga poco verrebbe da pensarea qualche affare poco etico negli sviluppi del prossimo sistema

la poca soddisfazione di quegli sviluppatori non mi convince molto

antares11
01-11-2005, 16:07
alcune cose su cui riflettere

- Firefox, alternativa a I.E., chi lo prova difficilmente lo abbandona (lo uso al 98% del tempo): è una realtà consolidata, gratuita convincente (15% di diffusione attuale?)
- Open Office 2.0 è una mano santa (open/free) che (pur parlando da profano) non fa più dormire tanto traquillo Bill come una volta: vedendo i grandi cartelloni pubblicitari messi per osannare il suo Office (mai visto prima cosa del genere)
- infine Linux nelle sue distro sempre più convincenti che è una garanzia, direi la garanzia, contro lo strapotere dello zio (attendo Mandriva box tanto per iniziare dal semplice, anche se l'ho già provato altrimenti)

conclusione

passaggio consigliato, non obbligato, per utenti non utonti che sanno vedere bene coi propri occhi verso l'open source che, anche se inizialmente sarà un po' difficile ripagherà in seguito con gli interessi, quantomeno nella sostanza e in soddisfazione di utilizzo

lo stivale è un paese non certo previdente e lungimirante cone altri (Gran Gretagna, Germania, ecc...) nel settore della dipendenza informatica: chissà che l'assoluta devozione del cavaliere (senza cavallo) al sw di Guglielmo non sia nata da un vago sentito dire .... più lo usi più possono crescerti i capelli ..., mah :master: )
e sto parlando dell'uso che ne fa la pubblica amministrazione italiota

è proprio quello che lo zio va cercando nei suoi viaggi in paesi come il nostro: prossime mosse (sempre nell'ottica di non ridurre i suoi cespiti) saranno le offerte di bandane, perizomi e caps (griffati ms) oltre ad una personal webcam agli affezionati utuilizzatori del suo sw: il tutto andrà rigorosamente indossato/usato e controllato online: i suoi aficionados si riterranno così gratificati e potranno sentirsi a la page dei cult.utonti

e allora?

tutto va bene, madama la marchesa .....

sì, ma non proprio tutto: chi conosce veramente quanto costa una licenza del sw dello zio? come può usarla? quando può usarla? cosa è e quando finisce una licenza OEM? quando deve disfarsene e non utilizzarla più nè rivenderla? cosa è un EULA? quali sono le clausole capestro di un EULA? chi è in grado di rilevare quali clausole di un EULA ms possono o sono in netto contrasto con le stesse leggi statunitensi?

chi è ancora disposto a farsi spennare per l'acquisto di un sw ms per mantenere l'esercito di Guglielmo? o a ripianare le perdite croniche di xBox et similia, inclusi i mancati introiti da sw troppo esosi?

chiedo scusa per la lunghezza del post, ma in sostanza volevo rimarcare che cmq i pensieri alla MS stanno venendo e le strade imboccate dai diversi concorrenti stanno avendo efficacia: non che al colosso u.s.a. manchino i fondi, ma è ora che la concorrenza e sopratutto il buonsenso comincino a produrre effetti tangibilmente positivi

se devo spendere 91€ per un Mandriva Box 2006 recapitato a casa di certo non mi pentirò, poco ma sicuro

Marcolino's
01-11-2005, 16:16
Originariamente inviato da sylvaticus
Leggendo qui sembrerebbe si di:
http://www.espressonline.it/eol/free/jsp/detail.jsp?m1s=null&m2s=t&idCategory=4801&idContent=1129548

Però poi ho trovato anche questo..
http://archives.thedaily.washington.edu/1999/110899/N3.Microsoftc.html

..dice le stesse cose.. ma nel 1999 :-((

Ogni tanto escono sempre ste cose. mi ricordo i tempi di Not There, riguardo a Windows NT, poi le cose si modificarono sensibilmente.

Alla Microsoft ogni tanto prendono delle belle cantonate, come quando dicevano che la programmazione a oggetti, non sarebbe servita a nulla e perseguirla era solo una gran perdita di tempo, poi venne Windows 3.1 e quell'uno significa il passaggio da un modo di programmare ad un altro.

Insomma i si dice a casa Microsoft sono di casa appunto, ma a me non è che la cosa mi sconvolga molto, la mia vita non cambierebbe di molto in fondo.

Meskalamdug
01-11-2005, 16:51
http://www.essedi.it/scheda_art.htm?SID=&ID=50791&ID_MCAT=0&ID_CAT=154&SHOP=5&LST=_BB_

:)

mcz
01-11-2005, 18:18
Che Microsoft dopo aver raggiunto l'apice della sua espansione, sia destinata ad un lento tramonto è probabile.
Le cause sono molte, non ultime quelle legali (se perde nella controversia con Eula incasserà davvero un brutto colpo).

Già oggi, secondo una ricerca dell'università di Maastricht il 49% degli impiegati pubblici in Europa lavora quotidianamente con software libero (e il 30% di costoro non lo sa).
Questo trend è destinato ad aumentare (velocemente se si riesce ad aumentare anche l'informazione) e non vedo come possa essere efficacemente bloccato da Microsoft.

I risultati della ricerca (commissionata dall'Unione Europea) sono non solo interessanti ma anche motivanti (danno anche una panoramica dell' Open Source nel mondo); potete leggerli a questo link (pdf) (http://conferences.oreillynet.com/presentations/euos2005/ghosh_rishab.pdf).

mcz :ciauz:

thomas_anderson
01-11-2005, 19:04
Bisogna essere cauti nelle previsioni. Microsoft ha dalla sua un componente fondamentale per il successo di un prodotto sul mercato: la semplicità di utilizzo. Anche chi non capisce nulla di pc riesce ad usare Windows, e questo la dice lunga. Per es. un utente Windows che vuole installarsi un nuovo programma, deve solo fare click sul setup e tutto va da se. L'unico grave difetto di Windows è che non viene testato accuratamente al momento di un lancio sulla Rete. Se Microsoft riuscirà a fare sua l'intraprendenza tipica del software libero la vedo molto ma molto dura. Basterebbe semplicemente fare come ha fatto la Mozilla Foundation, cioè pagare i ricercatori free lance per ogni bug scoperto per rendere (purtroppo :( ) la vita molto difficile al pianeta Linux. Uno studioso svedese disse una volta che gli esseri umani tendono per natura verso i sistemi semplici: questo mi pare sia vero per quello che riguarda un prodotto lanciato sul mercato. :ciauz:

Ikitt
01-11-2005, 19:10
Originariamente inviato da thomas_anderson
Bisogna essere cauti nelle previsioni. Microsoft ha dalla sua un componente fondamentale per il successo di un prodotto sul mercato: la semplicità di utilizzo. Anche chi non capisce nulla di pc riesce ad usare Windows, e questo la dice lunga.
Dissento.

Microsoft ha dalla sua un'altissima inerzia (e una certa qualita` dei prodotti). E questa inerzia conta quanto, e a volte piu`, delle sue doti tecniche.

thomas_anderson
01-11-2005, 19:11
Alla lunga l'avrà vinta il sistema con la maggior praticità. E' una legge matematica di mercato. :(

Ikitt
01-11-2005, 19:12
Originariamente inviato da thomas_anderson
Alla lunga l'avrà vinta il sistema con la maggior praticità.
O quello col miglior marketing (e una ragionevole praticita`).

Loading