PDA

Visualizza la versione completa : 1-500 milioni di Laptop Linux


sylvaticus
28-01-2006, 14:55
Come tutti certamente saprete, Nicholas Negroponte ed il suo MIT Media Lab, con il supporto di UNDP e di giganti del settore informatico, stanno progettando un mega progetto per distripuire laptop low-cost (100$) con Linux da distribuire ai bambini del terzo mondo, con un obiettivo minimo per iniziare la produzione di 1 milione di unità entro il 2007, ma Negroponte ritiene probabile numeri decisamente superiori, anche di 200-500 milioni.

Alcune infomazioni le trovate qui:
http://www.lastampa.it/cmstp/rubriche/girata.asp?ID_blog=30&ID_articolo=115&tp=C
http://laptop.media.mit.edu/
http://www.redhat.com/magazine/014dec05/features/olpc/

Per la cronaca il progetto si chiama One Laptop Per Child - OLPC ed è stato presentato a Kofi Annan in occasione dello scorso World Summit on the Information Society di Tunisi in Novembre.

Ritenete che ce la faranno o scoppierà tutto in un grande bluff?

Lardoman 2.0
28-01-2006, 15:46
Probabilmente riusciranno a produrne parecchi e li distribuiranno , ma a me sembra sempre una cosa totalmente inutile

nel terzo mondo ci sono problemi molto più importanti :bhò:

Gionnico
28-01-2006, 22:08
Originariamente inviato da Lardoman 2.0
Probabilmente riusciranno a produrne parecchi e li distribuiranno , ma a me sembra sempre una cosa totalmente inutile

nel terzo mondo ci sono problemi molto più importanti :bhò:
già. perché non gli danno 100$ direttamente? :madai!?:

francofait
28-01-2006, 22:20
Originariamente inviato da Gionnico
già. perché non gli danno 100$ direttamente? :madai!?:

E tutti i vergognosi papponi che così ci mangian sopra dove li metti.??
:rollo: :rollo: :incupito: :incupito:

Gionnico
29-01-2006, 17:46
Originariamente inviato da francofait
E tutti i vergognosi papponi che così ci mangian sopra dove li metti.??
:rollo: :rollo: :incupito: :incupito:
bah, allora gli darei 100$ in cibo (i papponi spero che non si pappino anche quello! :stordita: )

submax82
30-01-2006, 01:24
non sono d'accordo con quanto detto ... il terzo mondo và aiutatato con aiuti umanitari (cibo ecc...) ma si deve anche darli un'istruzione... e il pc aiuta ad imparare ... inoltre un sistema open come linux stimolerà la loro curiosità e il loro ingegno... il problema è chi gli darà i 100 dollari... :master:

Lucada
30-01-2006, 10:05
Originariamente inviato da submax82
Inoltre un sistema open come linux stimolerà la loro curiosità e il loro ingegno...

Non penso facciano caso al sistema open... più che altro è una questione di base del computer che incuriosisce e stimola l'ingegno del bambino... sia che ci mettano Windows che Linux... e la scelta penso sia ricaduta su Linux proprio perchè Windows altrimenti voleva i costi di licenza anche per quei pc da 100$ e considerando che tra poco costava di più la licenza che il pc... nn sarebbe stato tanto conveniente!

:bhò:

submax82
30-01-2006, 10:19
invece è molto importante avere un sistema open di cui si possono avere e modificare i sorgenti ... direi che stimola molto di più la mente. Tant'è vero che jobs gli aveva offerto macosx gratis e loro hanno rifiutato... inoltre in una flash da 1 giga linux occupa sicuramente meno spazio di winzoz o macosx...

prometeus
30-01-2006, 10:30
Non riduciamo il discorso a donare semplicemente 100 dollari di cibo alla povera gente. L'iniziativa non è così stupida come sembra.
Donare un portatile ai bambini e giovani serve anche a fornire uno strumento di istruzione e di formazione.
L'assistenzialismo non ha mai dato molti risultati. Quello che serve è far imparare quelle popolazioni a camminare sulle proprie gambe indipendentemente, e l'istruzione è uno di quei fattori importanti in tale processo.
Come dice qualcuno... "non è la fame che uccide, ma l'ignoranza".

submax82
30-01-2006, 15:46
Originariamente inviato da prometeus
Non riduciamo il discorso a donare semplicemente 100 dollari di cibo alla povera gente. L'iniziativa non è così stupida come sembra.
Donare un portatile ai bambini e giovani serve anche a fornire uno strumento di istruzione e di formazione.
L'assistenzialismo non ha mai dato molti risultati. Quello che serve è far imparare quelle popolazioni a camminare sulle proprie gambe indipendentemente, e l'istruzione è uno di quei fattori importanti in tale processo.
Come dice qualcuno... "non è la fame che uccide, ma l'ignoranza".

è proprio quello che dico ... quoto in pieno :yuppi:

Loading