PDA

Visualizza la versione completa : Il Vangelo secondo Giuda "Fu Gesù a dirgli di tradire"


netghost
07-04-2006, 12:42
Decifrato il manoscritto che riabilita l'Iscariota. In copto, risale
al 300 dopo Cristo. Un testo che riapre il dibattito storico e religioso

Riletta la vicenda dell'uomo che vendette Cristo: qui diventa il discepolo più fedele
di ALBERTO FLORES D'ARCAIS


"QUI si narra il segreto della rivelazione che Gesù fece parlando con Giuda Iscariota...". Così inizia la prima pagina di un fragile manoscritto in papiro che rilegge in modo radicalmente diverso la vicenda del "traditore" più odiato della storia e lo trasforma nel più fedele discepolo di Cristo; un documento straordinario che oltre a fornire inedite informazioni su Giuda Iscariota lo riabilita presentandolo come colui che consegna Gesù alle autorità su richiesta dello stesso Cristo: il Vangelo di Giuda.

Al termine di un lunghissimo lavoro (cinque anni) una équipe di esperti linguisti, papirologi e studiosi di storia della religione, una vera e propria squadra di "detective biblici" è riuscita a decifrare il testo e a verificarne l'autenticità e il significato religioso. Il risultato, uno dei più eccezionali documenti dell'archeologia giudaico-cristiana, è stato svelato ieri a Washington nella sede della National Geographic Society. In Italia sarà pubblicato in esclusiva dal "National Geographic Italia" di maggio (in edicola dal 21 aprile) e con la rivista si potrà anche acquistare il libro "Il Vangelo perduto di Giuda Iscariota".

Scritto su papiro e legato da un laccio di pelle il codice è stato redatto in copto - la lingua in uso allora in Egitto - intorno al 300 dopo Cristo; ritrovato negli anni Settanta (del '900) nel deserto presso El Minya, in Egitto finì nelle mani di mercanti di antichità, lasciò l'Egitto per giungere prima in Europa e poi negli Stati Uniti dove rimase in una cassetta di sicurezza a Long Island, New York, per 16 anni prima di venire acquistato dall'antiquaria di Zurigo Frieda Nussberger-Tchacos nel 2000.

Un testo destinato a fare discutere storici, religiosi e filosofi, un testo che fa giustizia anche dell'odioso e brutale antisemitismo che per secoli si è nutrito della vicenda-leggenda di "Giuda il Traditore". Già nel titolo ("Il racconto segreto della rivelazione fatta da Gesù a Giuda Iscariota nel corso di una settimana, tre giorni prima la celebrazione della Pasqua") riecheggiano temi cari alla tradizione gnostica e che ebbero una grande diffusione agli albori del cristianesimo; vicende che contraddicono la storia più tradizionale, quella che ci verrà tramandata dai Vangeli ufficiali (di Luca, Marco, Matteo e Giovanni) e che verrà codificata dai dogmi della Chiesa cattolica nei secoli successivi.

Nel documento - in cui non si fa alcun cenno alla crocifissione nè alla resurrezione - fin dalla prima scena Gesù ride dei suoi discepoli che pregano il loro Dio, il "dio minore" del Vecchio Testamento che ha creato il mondo. Li esorta a guardarlo e a comprendere cosa egli sia davvero, ma questi non lo fanno e non capiscono. Il passaggio fondamentale arriva quando Gesù dice a Giuda: "... tu supererai tutti loro. Perché tu farai sì che venga sacrificato l'uomo entro cui io sono". Aiutando Gesù a liberarsi del suo corpo terreno, Giuda lo aiuterà a liberare la sua entità spirituale, la sua essenza divina.

Uno status, quello di Giuda, che viene più volte descritto come speciale: "Allontanati dagli altri, a te rivelerò i misteri del Regno. Un Regno che raggiungerai, ma con molta sofferenza. Ti ho detto tutto. Apri gli occhi, guarda la nube e la luce che da essa emana e le stelle che la circondano. La stella che indica la via è la tua stella". E Giuda "aprì gli occhi, vide la nube luminosa e vi entrò".

Giuda Iscariota non solo non è "il Traditore" ma è - stando al codice copto - il mezzo attraverso cui Gesù di Nazareth raggiunge il suo scopo, dunque il discepolo decisivo, il più importante. Nel testo si prevede l'ira degli altri discepoli contro il traditore (Giuda ha una visione, "vidi me stesso mentre i 12 discepoli mi prendevano a sassate e mi perseguitavano") ma anche il fatto che sarà comunque superiore a loro: "Sarai maledetto per generazioni, ma regnerai su di loro", gli dice Gesù.

Al papiro manca la parte finale e il testo si interrompe all'improvviso: "Essi (coloro che erano venuti ad arrestarlo) avvicinarono Giuda e gli dissero, "Cosa fai qui? Sei un discepolo di Gesù?". Giuda diede loro la risposta che volevano, ricevette da loro del denaro e glielo consegnò".

Le 66 pagine del manoscritto non contengono solo il Vangelo di Giuda ma anche un testo intitolato "Giacomo" (noto anche come la Prima Apocalisse di Giacomo), una lettera di Pietro a Filippo e un frammento di un quarto testo che gli studiosi hanno deciso di chiamare provvisoriamente Allogeni (Book of Allogenes).


- - - - - - - - -
Il giornalista, spero vivamente non sia credente, per un motivo molto semplice, l'ignoranza che pervade il suo articolo è enorme.
Innanzitutto Giuda non è un semplice discepolo, è un Apostolo, e questi erano (in base anche alla Cabala) 12, e rappresentavano le 12 tribù di Israele. E poi come tutte le cose, perché non è stato dato in mano a studiosi ebrei e cristiani? Cos'è un modo come un altro per lanciare un nuovo Codice Da Vinci?

vificunero
07-04-2006, 12:53
Gli apostoli erano anche discepoli. :fagiano:

aedo
07-04-2006, 13:00
Sai che novità.

La lettura della figura di Giuda come atto teologico propositivo al sacrificio di Gesù è tutt'altro che nuova.

:bhò:

OZZY IS BACK...
07-04-2006, 13:03
Originariamente inviato da aedo
Sai che novità.

La lettura della figura di Giuda come atto teologico propositivo al sacrificio di Gesù è tutt'altro che nuova.

:bhò:
ma qui ci sono le prove... :madai!?:

sinceramente di quello che è successo realmente 2000 anni fa secondo me interessa a pochi: chi crede continuerà a credere, chi non crede non gliene puo fregar de meno..

starjumper
07-04-2006, 13:06
Originariamente inviato da netghost
E poi come tutte le cose, perché non è stato dato in mano a studiosi ebrei e cristiani?E perchè? Se la parola X significa "Y", uno studioso laico lo sa tanto quanto uno cristiano. Con la differenza che non essendo moralmente legato allo scritto che traduce non ha la tentazione di farlo diventare "YZ" solo perchè "YZ" è più consono alla sua fede.

longline
07-04-2006, 13:23
Gesù non sarebbe quello che è, sia per i credenti sia per i non credenti, senza l'atto del tradimento. Mi sembra la scoperta dell'acqua calda :bhò:

carnauser
07-04-2006, 13:25
Noooo fermi li!

Il mio antenato lo tradì per qualche soldo! e non è vero che dopo si suicidò

figaro
07-04-2006, 13:37
Nel "vangelo secondo Gesù Cristo" José Saramago racconta proprio che Gesù abbia chiesto questo a Giuda.
Un bel libro, lo consiglio.

Loading